Leggendaria 137
Leggendaria 137
Back Cover

La realtà ci ha assediato prepotentemente nell’estate appena trascorsa, non solo per la crisi politica “più pazza del mondo” – come l’hanno descritta i giornali – ma per il disperante rintocco dei continui femminicidi, fenomeno che non accenna a diminuire e che ci lascia sgomente e frustrate dall’impotenza, oltre che piene di rabbia per il modo in cui ne riferiscono – ancora! – i media italiani. E per le ripetute, insensate vicende di navi cariche di migranti bloccate al largo di “porti chiusi”. E per l’ormai irrimandabile questione ambientale. Ci pare quindi particolarmente tempestiva la riflessione che trovate nel nostro Tema curato da Elvira Federici che, sullo sfondo di queste – e altre – realtà che tutte ci interrogano, prova un salto dell’immaginazione appoggiandosi saldamente sul pensiero di scrittrici e filosofe. Il desiderio di un altro mondo possibile – quello che non c’è ma che potrebbe esserci – è la molla necessaria al pensiero che con determinazione si confronta con la realtà, che va conosciuta, indagata, attraversata con consapevolezza. Sono dunque tre le parole chiave che si incrociano negli scritti che vi proponiamo: realtà, desiderio e libertà. Libertà del pensiero e libertà dell’agire e dell’immaginare, appunto. Un gesto politico.

Ricco il menù dei nostri A/margine, dei testi in Primopiano, delle Letture, e delle nostre imperdibili Rubriche cui da questo numero si aggiunge un tassello breve e folgorante che abbiamo chiamato “Improvvisi”: un memo contro la dimenticanza, un omaggio a scrittrici che ci sono care, un appunto necessario per quella genealogia della scrittura femminile che anche questa rivista ha contribuito a costruire.

Svuota

Description

EDITORIALE

TEMA/TRA REALTÀ E DESIDERIO
a cura di Elvira Federici

Quel gesto politico che rivela il possibile
Clarice Lispector, Audre Lorde, due scrittrici simbolo della pratica femminista che schiva il mondo della necessità collocandosi su un altro livello del linguaggio e della relazione. Perché la libertà scaturisce nel/dal desiderio
di Elvira Federici

Il desiderio di ciò che non c’è ma potrebbe esserci
Nei libri di Ali Smith la ricerca di aprirci a qualcosa di mai visto, di inaudito:
è l’immaginazione nata dal desiderio di libertà e di reciproco rispetto a riformulare in modo inedito le articolazioni del vivere sociale e politico
di Maria Vittoria Vittori

La prigione di una lingua addomesticata
La ricerca di Ingeborg Bachmann per oltrepassare
i confini del linguaggio
è una tensione etica che punta al superamento dell’ego
verso una dimensione verticale dello spazio e del tempo: l’utopia. Senza perdere di vista il “sentimento della” realtà
di Gisella Modica

La città, la casa, il mondo
La metafora dell’esilio nel pensiero delle donne è una figura centrale, anomala rispetto alla tradizione occidentale fondata sulla stanzialità e i diritti di cittadinanza. A fronte dell’ineliminabile pluralità degli esseri umani, la città si propone
come luogo politico della convivenza e dell’agire-insieme
di Giorgia Serughetti

Com’è misogino il mondo di Utopia
Da Platone a Thomas More, da Montaigne agli eccessi di Proudhon, le “città ideali” – forza collettiva del desiderio – quando immaginate dai maschi
sono incubi patriarcali. Con qualche rara eccezione
di Giovanna Pezzuoli

Mettere in campo una libertà titanica
L’apprendistato spirituale di Etty Hillesum nell’orrore del nazismo la portò a vette inaudite di amore: la scoperta di uno spazio di libertà inviolabile, un desiderio infinito producono un inno alla vita
nel momento più oscuro della Storia
di Antonella Fimiani

Il desiderio di viaggiare sfida ogni stereotipo
Travestite da uomo, a cavallo, in bicicletta, a piedi, sono tante le donne
che hanno scandalizzato il mondo con le loro imprese nel segno della libertà
di Nadia Tarantini

INCONTRI

All’inseguimento dell’infanzia perduta
La regista israeliana Dvorit Shargal ha rintracciato i bambini del mondo, oggi adulti, che furono immortalati dalla fotografa Anna Riwkin-Brick
negli anni Quaranta-Cinquanta. In tre affascinanti film-documentari racconta la sua ricerca, il desiderio e le domande che l’hanno motivata
Intervista di Annalisa Comes

A/MARGINE

Il caso Guardian
In piena crisi della carta stampata, il britannico The Guardian va controcorrente: sotto la direzione di una donna, Katharine Viner, ha cambiato punto di vista, puntando sulle donne: ne fa scrivere tante e pubblica notizie di/su/per le donne
di tutto il mondo. Ed è un gran successo
di Alessandra Quattrocchi

Un presente antichissimo
L’ultima stagione del Teatro greco di Siracusa ha messo le donne al centro della scena evocandone il coraggio, la forza, la speranza
di Titti Danese

PRIMOPIANO

La libertà e le incognite dell’età che cresce
Pensare insieme la vecchiaia, che non è uguale per tutte e tutti. Marina Piazza riflette a partire dall’esperienza di una generazione di donne che sono state quelle della “prima volta” e per le quali anche questa fase della vita è imprevedibile perché senza modelli
di Barbara Mapelli

Ripensare la legge per una diversa giustizia
Un gruppo di studiose affronta con passione e competenza i temi centrali legati alla visione falsamente neutra del diritto. Un testo importante
per mettere a fuoco temi decisivi per il nostro futuro: giustizia vs potere
di Mariapia Achiardi Lessi

Incontri che lasciano il segno
Jole Bovio Marconi, archeologa di fama internazionale: la straordinaria esperienza di una donna libera e sola nella Palermo dagli anni Trenta in poi,
che fece della sua vita una “opera d’arte”
di Donatella Barazzetti

Le insidie e le sfide del tempo nell’era digitale
Come cambia la percezione delle nostre vite nell’epoca della narrazione
in “tempo reale” indotta dal mondo virtuale? Tanti interrogativi sull’immaterialità dei nuovi media ma anche uno sguardo utopico sul presente e sul futuro sono al centro di “Il tempo breve: narrative e visioni”, curato da Monica Luongo e Giuliana Misserville
di Serena Guarracino

Il mondo salvato dai libri per ragazzini
Jella Lepman torna in Germania dopo la guerra e osservando
i bambini tedeschi affida alla narrativa per l’infanzia
il compito di ricostruire il mondo. L’esaltante avventura
di una giornalista scrittrice che fondò anche il Premio H.C. Andersen, il “Nobel” per la letteratura per ragazzi/e
di Martina Volpe

Sulle tracce della partigiana Leda, e delle altre
Aveva solo 18 anni quando morì per le ferite riportate
nelle prigioni dei tedeschi. Dalle poche pagine del diario
 di Leda Antinori nasce un libro che ne ricostruisce la vicenda eroica
di Laura Articoli

Nelle stanze delle scrittrici
Un’antologia di racconti, 19 scrittrici che Annalena Benini compone in una foto collettiva in cui ciascuna sembra ripresa in un grandangolo dove vite e scritture
risultano strettamente intrecciate in un doppio movimento
di Nadia Tarantini

A Napoli ci si può smarrire
Una giovanissima americana, Heddi Goodrich, trascorre 11 anni nel capoluogo campano e oggi ci racconta quella “città filosofica” dove il passato è sempre vivo usando un italiano armonico e coinvolgente
di Giuliano Capecelatro

Una risposta per tutti i viventi
Con “La tela favolosa” Giuliana Zagra ci conduce tra le carte di Elsa Morante, scrittrice misteriosa e leggendaria. Un viaggio in un mondo dell’anima, della parola creatrice, nel cuore della poesia
di Gabriella Palli Boroni

Segreta è la via che risana
Nell’ultimo volume di versi di Maria Clelia Cardona c’è la ricchezza di una tradizione
non tradita ma trascesa,
la nitidezza di un dettato che è anche innovativo
di Daniela Matrònola

Orfana di tutto, anche della memoria
Alla ricerca di una storia di cui non sa nulla, in particolare della madre morta suicida. Uno straordinario romanzo-memoir di Natasha Wodin, scrittrice tedesca figlia di lavoratori forzati ucraini deportati dal Terzo Reich
di Matilde Passa

L’attualità di una pensatrice profetica
Intellettuale, emancipata, politica e pensatrice Aleksandra Kollontaj
fu nel fuoco della Rivoluzione d’Ottobre e poi ambasciatrice dell’Urss.
Ma intuì che la “questione femminile” non si sarebbe risolta automaticamente con l’instaurazione dello Stato socialista
di Ivana Rinaldi

LETTURE

Nel cuore dell’inverno (Viveca Stern)
di Sara Bennet

Stanca di attendere (Maria Grazia Ciani)
di Anna Maria Crispino

Ayanta Barilli e le sue fate madrine
di Maria Vittoria Vittori

Un lutto e una vergogna (Silvia Dai Prà)
di Nadia Tarantini

Duello mortale (Angela Marsons)
di Sara Bennet

Al di sotto della neve e della luce (Ippolita Avalli)
di Maria Vittoria Vittori

Trame solo per sé (Antonella Bontae)
di N. T.

Lo scrivano e la scribacchina (Louisa May Alcott)
di Anna Maria Crispino

RUBRICHE

≡ IMPROVVISI
Anna Maria Ortese
di Marialaura Simeoni

≡ CANTO E CONTROCANTO
La giovane strega di Salem si racconta (Thomas Gilbert)
di Laura Marzi e Francesca Maffioli

≡ GIARDINI IMMAGINARI
Una strega, un sabba e tanti fiori (Sylvia Townsend)
di Giuliana Misserville

≡ IN/VERSI
Quando la poesia si fa racconto
di Maria Clelia Cardona

≡ IN/NOTE
La passione d’insegnare musica (Chiara Macrì)
di Loredana Metta

≡ TOPFIVE
I magnifici 5
di Maria Vittoria Vittori

≡ NEWS
Appuntamenti e notizie
a cura di Giulia Crispino